Roma 27-29 marzo Olimpiadi di Filosofia

Studenti per la LINGUA ITALIANA

1. Francesco Contini – Liceo classico Duni – Matera 
2. Giuseppe Schirò – Liceo scientifico – Rionero 

 Studenti per la LINGUA STRANIERA 

1. Lucia Santercole – Liceo classico di Nova Siri (sez. di Montabano) 
2. Martina Schettino – Liceo scientifico Maratea

Con loro le due insegnanti. Elisabetta Boccardi (sinistra) e Camilla Spada (destra).

 

Roma 27-29 marzo Olimpiadi di Filosofia

Altre foto delle Olimpiadi nazionali sulla pagina FB: Olimpiadi Filosofia Basilicata

OLIMPIADI DI FILOSOFIA PER UNA SCUOLA APERTA, INCLUSIVA, INNOVATIVA XXV EDIZIONE - A.S. 2016-2017 FINALE NAZIONALE Roma, 27-28-29 marzo 2017

Di seguito i nomi e le scuole di provenienza dei 4 campioni che parteciperanno alla selezione nazionale - Roma 27-29 marzo e di seguito il Programma 

Studenti per la LINGUA ITALIANA

1. Francesco Contini – Liceo classico Duni – Matera 
2. Giuseppe Schirò – Liceo scientifico – Rionero 

 Studenti per la LINGUA STRANIERA 

1. Lucia Santercole – Liceo classico di Nova Siri (sez. di Montabano) 
2. Martina Schettino – Liceo scientifico Maratea

 

 

Lunedì, 27 marzo 2017 Hotel Parco Tirreno – Via Aurelia 480

Pomeriggio Arrivo dei finalisti e dei docenti a partire dalle ore 17,00 Hotel Parco Tirreno – Via Aurelia 480

ore 19,00 Incontro con studenti e docenti

ore 20,30 Cena in Hotel Parco Tirreno – Via Aurelia 480

Martedì, 28 marzo 2017 Hotel Parco Tirreno – Via Aurelia 480

ore 8,00 Registrazione dei finalisti

ore 9,00-13,00 Svolgimento della prova della Finale Nazionale

ore 10,00-12,00 Seminario con i docenti

Carla Guetti Orientamenti per l’apprendimento della Filosofia nella società della conoscenza

Massimiliano Biscuso Il monitoraggio dell’insegnamento/apprendimento della Filosofia a scuola

Ennio De Bellis Giovanni Scancarello Il Sillabo per competenze

Bianca Maria Ventura La formazione dei docenti: una proposta SFI al MIUR e alle scuole

Gaspare Polizzi Insegnamento della Filosofia e “rivoluzione digitale”

Rossella Bufano I numeri delle Olimpiadi di Filosofia Luciana Fadda Le Olimpiadi di Filosofia all’Istituto Tecnico Industriale

ore 13,30 Pranzo in Hotel Parco Tirreno 2

ore 14,30-20,00 Insediamento della Commissione Nazionale della Finale Nazionale: esame e valutazione delle prove

ore 15,00-17,00 Giro in città

ore 17,30-19,30 Zettel Debate. Fare filosofia I finalisti delle Olimpiadi saranno protagonisti di un Debate che verrà trasmesso nella trasmissione di Rai Cultura

ore 20,30 Cena in Hotel Parco Tirreno Mercoledì,

29 marzo 2017 MIUR - Sala della Comunicazione Viale Trastevere 76/A

ore 9,30 Arrivo al MIUR in pullman ore 9,30-11,00 Visita storico-artistica al Palazzo del MIUR

ore 11,00 Saluti istituzionali Rosa De Pasquale Capo Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione – MIUR Carmela Palumbo Direttore Generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione – MIUR Roberto Vellano Ministro Plenipotenziario- D.G. per la promozione del Sistema Paese – MAECI Coordina Edvige Mastantuono Dirigente Ufficio I - D.G. per gli ordinamenti scolastici – MIUR Introduce Carla Guetti Coordinatrice scientifica del Progetto - D.G. per gli ordinamenti scolastici – MIUR Emidio Spinelli Presidente della Società Filosofica Italiana Francesco Coniglione Presidente della Commissione Nazionale Giuseppe Pintus Direttore editoriale Inschibboleth Progetto di Alternanza Scuola-Lavoro per la ripubblicazione della storica Rivista di Filosofia «Il Pensiero» Elena Capparelli Vicedirettore Rai Cultura Dalla televisione alle scuole, Zettel Debate. Fare filosofia incontra gli studenti dell’Istituto Tecnico “Pacinotti” di Roma

ore 12,30 Premiazione dei vincitori e consegna dei diplomi

ore 13,30 Buffet nella Sala Ovale

ore 14,30 Partenza e rientro nelle sedi

XXV edizione Olimpiadi di Filosofia

Le Olimpiadi di Filosofia giungono quest’anno alla XXV edizione con un crescente successo di partecipazione da parte del mondo della scuola alla più importante competizione filosofica nazionale e internazionale, che da venticinque anni favorisce nei giovani lo sviluppo del pensiero critico e del dialogo, in risposta a ogni forma di intolleranza e a favore di un’educazione alla cittadinanza globale. La manifestazione, promossa dalla Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione del MIUR nell’ambito delle iniziative volte alla valorizzazione delle eccellenze, registra anche in questa edizione un aumento di adesioni sia negli istituti italiani (58 in più rispetto allo scorso anno) sia nelle scuole italiane all’estero (5 in più rispetto allo scorso anno) con 413 istituti, centinaia tra dirigenti e docenti, quasi 11.000 studenti, impegnati anche con attività formative di approfondimento dei contenuti filosofici e delle metodologie didattiche. In questo senso, le Olimpiadi di Filosofia offrono modalità per favorire il rinnovamento della didattica della disciplina, nel segno del critical thinking e del debate, dell’interdisciplinarità e della laboratorialità, della scrittura argomentativa e del CLIL, dell’uso delle tecnologie digitali e dei nuovi ambienti per l’apprendimento, dell’alternanza scuola-lavoro e della dimensione internazionale. Quest’ultima è valorizzata, in particolare, dalla International Philosophy Olympiad, la gara che annualmente vede i candidati italiani competere con i coetanei europei ed extraeuropei e i docenti dei vari paesi partecipanti dialogare attorno ai diversi modelli di insegnamento della disciplina. Ma c’è di più: le Olimpiadi di Filosofia rappresentano un’occasione di studio là dove la materia non è prevista nel curricolo, come negli Istituti Tecnici e Professionali, attraverso l’inserimento di percorsi di filosofia tra gli insegnamenti opzionali, utilizzando la quota di autonomia e gli spazi di flessibilità, previsti dalla legge 107/2015, per rispondere alla domanda di senso dei giovani e alla richiesta di ampliamento dell’offerta formativa. Da questo punto di vista, sarà interessante riflettere su alcune esperienze didattiche realizzate con studenti di Istituti Tecnici, nel corso del seminario per gli insegnanti previsto durante la gara conclusiva. La Finale Nazionale si svolgerà a Roma nei giorni 27-28 e 29 marzo e vedrà gli 88 finalisti, selezionati a seguito delle gare d’istituto e regionali, cimentarsi nella elaborazione del saggio filosofico in lingua italiana o in lingua straniera (inglese, francese, tedesco, spagnolo), mentre i docenti si confronteranno sull’innovazione didattica, a partire dall’analisi del Documento Orientamenti per l’apprendimento della Filosofia nella società della conoscenza, elaborato dal gruppo tecnico-scientifico del MIUR, insieme a rappresentanti della Società Filosofica Italiana. Inoltre, per festeggiare la XXV edizione, la trasmissione di Rai Cultura Zettel Debate. Fare filosofia incontrerà nel pomeriggio del 28 marzo i finalisti delle Olimpiadi che, divisi in due squadre, dibatteranno sul concetto di tolleranza, tema scelto come filo conduttore dell’International Philosophy Olympiad, organizzata in Olanda, a Rotterdam dal 25 al 27 maggio. Infine, nella mattinata di mercoledì 29 marzo, dopo la visita storico-artistica del Palazzo del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, nella Sala della Comunicazione alla presenza dei rappresentanti del MIUR e delle istituzioni coinvolte, dei finalisti e dei docenti, saranno premiati i vincitori e individuati i due ragazzi che parteciperanno per l’Italia alla gara internazionale. In sintesi, si può affermare che nel corso di questi venticinque anni le Olimpiadi di Filosofia interpretano appieno il senso di una scuola aperta, inclusiva, innovativa, perché come indica la scrittrice e insegnante statunitense Helen Adams Keller «Il più grande risultato dell’educazione è la tolleranza. Tanto tempo fa, gli uomini combattevano e morivano per le loro credenze, ma ci sono volute ere per insegnare loro un altro tipo di coraggio – il coraggio di riconoscere e rispettare le credenze e la coscienza dei loro fratelli. La tolleranza è il principio primo della comunità, è lo spirito che conserva il meglio del pensiero dell’uomo». Carla Guetti

http://www.philolympia.org/index.php?page=bando

School of Higher Education...ed 2016

Sul portale di Rai Cultura 
www.cultura.rai.it<http://www.cultura.rai.it> c'è lo speciale dedicato all'International Summer
School of Higher Education "Le agorà e l'esercizio
critico del pensiero".

Olimpiadi di Filosofia "Apriamo gli studenti all'ubuntu" - dal sole 24 ore del 5/06/2016

Il nome Ubuntu, termine nguni bantu traducibile come "umanità verso gli altri", fa riferimento ad una filosofia di origine sudafricana che teorizza un legame universale di scambio che unisce l'intera umanità (letteralmente, "dell'Essere Umano"). (da Wikipedia)

notizia dal Miur

...Il Presidente della Repubblica ha concesso il suo alto patronato alla
XXIV Olimpiadi di Filosofia e formula l'augurio per il successo
della manifestazione. L'ambito riconoscimento per il lavoro svolto da tutti noi
in questi anni e in particolare durante questa edizione, che registra
un aumento significativo della partecipazione, ci spinge a fare sempre meglio anche nella prospettiva del rinnovamento della didattica...

Tutte le info sul portale: http://www.philolympia.org/

Al via la XXIV edizione delle OLIMPIADI DI FILOSOFIA per l’anno scolastico 2015/2016 promossa dalla Direzione Generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione nell’ambito delle iniziative volte alla valorizzazione delle eccellenze. Una edizione che si presenta con diverse novità. Prima fra tutte il nuovo logo: è stato realizzato appositamente dal Maestro Mimmo Paladino che ha voluto rendere omaggio alla filosofia, sottolineando lo stretto legame tra pensiero e arte.
Tra le novità anche la collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI): la competizione viene estesa per la prima volta anche agli studenti delle scuole italiane all’estero, statali e paritarie, e delle sezioni italiane presso le scuole straniere e internazionali, comprese le Scuole Europee.

La manifestazione è aperta agli studenti e alle studentesse del secondo biennio e del quinto anno della scuola superiore di secondo grado, statale e paritaria. 

Le Olimpiadi di Filosofia sono gare individuali, articolate in due canali: il canale A in lingua italiana; il canale B in lingua straniera (inglese, francese, tedesco o spagnolo). 

L’obiettivo è sviluppare nei futuri cittadini critical thinking, creatività, libertà di pensiero, autonomia di giudizio, per la costruzione di una cittadinanza globale. 

Nella passata edizione hanno partecipato oltre 250 Istituti scolastici di vari indirizzi coinvolgendo migliaia tra studenti e docenti anche in attività di formazione.

Ma c’è di più: le Olimpiadi di Filosofia sono le uniche tra le competizioni italiane di discipline umanistiche a vantare una consolidata gara internazionale, nella quale i nostri candidati si distinguono da tempo, come dimostra il successo ottenuto dai due candidati italiani nell’International Philosophy Olympiad del maggio scorso in Estonia, entrambi vincitori della medaglia di bronzo. 

La Finale nazionale si svolgerà a Rom (13-15 aprile 2016).

 

Le Olimpiadi di Filosofia sono promosse in collaborazione con: la Società Filosofica Italiana; il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI); gli Uffici Scolastici Regionali del MIUR; la Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO; la Fédération Internationale des Sociétés de Philosophie (FISP); il Dipartimento Scienze Umane e Sociali, Patrimonio Culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR); Rai Cultura.